Il criceto può mangiare le Fragole? In Quali Quantità?


Il criceto può mangiare le Fragole? In Quali Quantità?

Se il tuo obbiettivo principale è quello di dare lunga vita al criceto allora è fondamentale conoscere tutte le loro abitudini alimentari. Sono molti i cibi che tollerano, altri che adorano ed alcuni da evitare.

Qui iniziamo a rispondere ad una delle domande che tutti noi amanti di questi piccoli animali ci facciamo, ovvero: I criceti possono mangiare le fragole?

Di primo acchito ti dico di sì, ma, come per tante altre cose, si devono dare limiti e metodi corretti di somministrazione.

Tutti mi fanno i complimenti perché il mio criceto Pipsy è con me da più di quattro anni e sembra un ragazzetto.

Non ho poteri magici, non ho neanche trovato il Cocoon dei criceti, ho solamente studiato bene le loro abitudini, ho sentito pareri di molti studiosi del settore, fatto valutazioni e tratto conclusioni, ora il mio obbiettivo è condividere tutto questo con tutti quelli che vogliono adottare uno dei più simpatici esserini del mondo.

Non hanno vita lunga i criceti, se rapportata a quella di molti altri animali, si calcola in media tra i tre ed i cinque anni.

Noi possiamo nella nostra esistenza adottare un elevato numero di criceti, loro hanno come riferimento e sostegno solo noi, per questo è una grande responsabilità il mantenerli in salute, e una grande fetta di questa parte proprio dalla corretta alimentazione.

Quando e quante fragole possono mangiare i nostri criceti?

Il dire che sono alimenti concessi non è pienamente esaustivo. Non possono infatti sostituire un pasto, e non possiamo neanche dargliene per più giorni ed in grandi quantità.

L’ideale sarebbe abituarsi a dare frutta solo come premio ai nostri piccoli amici, non pensare che possa sostituire ma solamente integrare la giusta alimentazione.

I nostri piccoli amici hanno uno stomaco molto più piccolo e delicato rispetto a molti animali e, nonostante molte correnti di pensiero li dichiarino onnivori, hanno bisogno di molta assistenza con piccoli accorgimenti, che ti dirò, ed una buona conoscenza della loro corretta alimentazione. In pratica è più facile a farsi che a dirsi, si deve solamente tagliare in piccoli pezzetti mezza fragola e darla al massimo due volte a settimana.

Sempre per la sua piena salute si dovrebbe variare con differenti tipologie di frutta, per questo le fragole vanno benissimo al massimo due giorni a settimana.

Loro ne sono davvero molto golosi, quindi se stiamo cercando di insegnar loro qualcosa, come ad esempio bere dal beverino o correre nella sua ruota, i pezzetti di fragola possono diventare un ottimo incentivo per fargli capire che sta eseguendo correttamente l’azione che volevamo fargli fare.

Un’altra fondamentale attenzione è quella di evitare le fragole fuori stagione, (sinceramente non è sconsigliabile solo al criceto, ma anche a tutti noi umani, dovremmo prendere per noi e per i nostri amici animali la buona abitudine di cibarci di quello che nella stagione in corso la natura ci regala ) perché molte sono le persone che ipotizzano l’uso di particolari composti chimici per renderle trasportabili e dunque anche fresche per parecchi giorni, questi possono fare male allo stomaco dei criceti.

Non essendo un alimento fondamentale per il nostro amico, ma più che altro che fa parte di cosa è goloso, converrebbe farglielo mangiare solamente quando è possibile acquistarle anche dal contadino o meglio ancora al momento in cui è possibile provare a coltivarli nel proprio giardino.

Passiamo a capire quante se ne possono dare di fragole, io personalmente a Pipsy ne do una ogni tre giorni in primavera.

Prendo un frutto di medie dimensioni e con il coltello la taglio a metà, ne prendo un pezzo per volta e con dei tagli per la sua larghezza realizzo delle fettine sottili, con l’aiuto dello stecchino posiziono a ventaglio le fettine, anche l’occhio vuole la sua parte!

Anche se devo essere sincera, il mio amato criceto ne va talmente matto che non bada molto ai miei scatti d’arte e si avventa sulla frutta.

Conservazione e gestione delle fragole nella gabbietta

Se facciamo mente locale, le fragole si possono trovare in primavera ed estate, dunque stagioni più calde, quelle in cui il processo di decomposizione della frutta è molto più veloce.

Complice il fatto che per favorirne la digestione dobbiamo tagliarle fini ai nostri piccoli amici il risultato è che dopo poco che gli abbiamo messo la ciotolina nella gabbietta ci conviene controllare che abbia finito e non rimangano dei pezzi che potrebbe mangiare provocandosi intossicazioni o comunque problemi digestivi.

Per tutto questo sarebbe opportuno dare la frutta fresca al criceto solo quando è possibile essere presenti, mai quando lo si lascia solo per più ore.

Per la conservazione valgono le stesse regole che dovremmo seguire per tutti i cibi freschi anche per la nostra alimentazione.

Le muffe che si possono creare, le zone danneggiate possono in poco tempo intaccare tutti i frutti anche se conservati in frigorifero.

Il miglior consiglio è sempre quello di acquistare porzioni minime o comunque giuste per il consumo giornaliero per evitare di correre rischi inutili per la salute nostra e dei piccoli amici criceti.

Inoltre se vivete in città e non avete alcuna possibilità di produrre le fragole l’unica soluzione sono i supermercati, e qui studi hanno dimostrato che le fragole hanno tutte presenza, sebbene minima, di pesticidi.

Proprio la frutta del supermercato se lasciata troppo tempo in frigorifero con il mix di muffe e pesticidi possono creare grossi problemi di stomaco ai criceti, e le conseguenze non sarebbero gradevoli sia per loro che per i padroncini che li vedrebbero soffrire.

La regola di lasciarle a bagno con un cucchiaino di bicarbonato prima di sciacquare e servire ai nostri animaletti è ottima, ma se doveste avanzare delle fragole da conservare andrebbero attentamente asciugate.

Perché le fragole sono un alimento positivo per i nostri criceti?

La fragola per i nostri piccoli amici fa parte di quegli alimenti che devono assumere nel corso dell’anno sempre con le giuste moderazioni appena descritte. Ma se ci chiediamo perché sono così consigliate abbiamo un gran numero di risposte che possiamo dare.

Per prima cosa dobbiamo elogiare questo frutto per l’alto contenuto di acqua, sappiamo bene quanto i criceti preferiscano assumere la loro dose giornaliera di liquidi dagli alimenti che doverlo fare da beverini e ciotole.

Ma le proprietà delle fragole sono anche molte altre ( e dovremmo conoscerle per sfruttarle anche noi insieme ai nostri criceti ) un esempio è la forte presenza di vitamina C, questa aiuta a prevenire le malattie, ma non solo.

Pochi sanno che è anche utile per mantenere sempre perfetto il sistema circolatorio, per un criceto è cosa fondamentale.

Non serve solo che il nostro animaletto si tenga in forma con le sue corse giornaliere, ma con il giusto apporto vitaminico potrà godere di ottima salute per lungo tempo.

Le fragole contengono anche un elevato numero di antiossidanti e polifenoli, questi due elementi sono un elisir di lunga vita per tutti quanti, criceti ed umani.

Il ricambio cellulare, la tonicità muscolare e il corretto funzionamento delle ossa sono assicurati anche quando il nostro criceto comincia ad avere più di tre anni proprio grazie alla corretta alimentazione ed in questa c’è anche la somministrazione delle fragole.

Mettiamo quindi il nostro primo tassello per la corretta alimentazione del criceto: ottima abitudine quella d’inserire le fragole come gustoso fuori pasto, due giorni a settimana nella stagione in cui crescono spontaneamente e nella dose di una per volta di medie dimensioni e tagliata a fettine sottili per evitare che il piccolo stomaco del nostro animaletto faccia fatica a digerirla.

Articoli Consigliati :

  • Il Criceto può Mangiare le Mandorle o sono Pericolose? (LINK)
  • La Lattuga è un Alimento Sicuro per il Criceto? (LINK)
  • Ho sentito che il Criceto può mangiare il formaggio, è vero? (LINK)

Pipsy

Sono la Padrona di Pipsy, un bellissimo Criceto Russo di ben 4 Anni! Amo gli Animali e amo prendermene cura, nel mio tempo libero mi diletto con il Fai da te, creando simpatici giochi per i miei Roditori Domestici

Articolo Precedente